Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
 
Dolomites.Life.Hotel
 

Sci d'alpinismo nelle Dolomiti di Sesto

 
Lo sci d'alpinismo gode di un favore sempre crescente - comprensibile se si pensa al meraviglioso scenario montano delle Dolomiti di Sesto. Montagne innevate e natura incontaminata creano le condizioni ideali per godersi il paesaggio in tutto relax, lontano dallo stress della vita quotidiana. Una discesa nella neve fresca premia la fatica dell'ascesa.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Cima Piatta Alta (2.905 m)
 
 

Cima Piatta Alta (2.905 m)

Bella, imponente meta scialpinistica tra le valli di Landro e di Sesto 
 
Dislivello 1396 m
Esposizione N/E/S
Difficoltà ***
Tempo salita 4,5 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza parcheggio in Val Campo di Dentro, 1509 m 
 
 Ascesa:
andiamo quasi in piano lungo la strada (pista slittino) fino al Rifugio Tre Scarperi (aperto anche d’inverno), 1626 m, da cui proseguiamo su terreni piano valle addentro (pista da fondo). Alla biforcazione della valle pieghiamo a desta in direzione ovest e saliamo in pendenza variabile per la lunga valleta del Hangenalptal. Al di sotto della Forcella del Lago proseguiamo in direzione nord verso un’erta, dove cerchiamo un punto favorevole per attaccarla (spesso c’è poca neve). Lungo la stessa, in alcuni impegnativi zig zag. Saliamo all’ampio pianoro sovrastante e poi, precisamente in direzione nord, alla cima vera e propria. 
 
Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011

 
 
Sasso di Sesto (2.539 m)
 
 

Sasso di Sesto (2.539 m)

Cima in un ambiente veramente grandioso, di fronte alle pareti nord delle Tre Cime

Dislivello 1085 m
Esposizione N/E
Difficoltà **
Tempo salita 3,5 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza parcheggio in Val Fiscalina, 1454 m 
 
 
Ascesa:
iniziamo l’escursione lungo la strada (pista da fondo) portandoci quasi in piano al Rifugio Fondovalle (1562 m). Qui pieghiamo a destra e saliamo in direzione ovest alle ampie superfici dell’Alpe dei Piani. La Torre di Toblin e il Sasso di Sesto, aspramente contesi durante la Grande Guerra, si ergono diritti davanti a noi. Proseguiamo dapprima in piano e poi lungo pendici mediamente ripide fino all’insellatura tra l’imponente Torre di Toblin e il Sasso di Sesto. Alla fine possiamo avanzare con facilità lungo l’aereo costone nord fino al punto più elevato. La vista sul Monte Paterno e le pareti nord delle Tre Cime di Lavaredo è mozzafiato!


Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011

 
 
Corno di Fana (2.663 m)
 
 

Corno di Fana (2.663 m)

Montagna di casa per gli sci alpinisti di Dobbiaco


Dislivello 1059 m
Esposizione S
Difficoltà ** / ***
Tempo salita 3,5 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza Candelle/Kandellen, Albergo Hofer


Accesso:
da Dobbiaco si va a Valle San Silvestro e si prosegue per Canelle/Kanellen lungo la strada di montagna.


Ascesa:
dall’Albergo Hofer saliamo per una strada forestale in direzione nordest verso il Rifugio Bonn. A quota 1900 ca. lasciamo la forestale e andiamo a sinistra salendo, dapprima su un sentiero e poi lungo il pronunciato costone sud della montagna, al Rifugio Bonn (Bonner Hütte). Passiamo accanto allo stesso, proseguiamo sempre lungo il costone e poi, dirigendoci a est in minor pendenza, raggiungiamo la cima.


Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011
Foto: Consorzio Turistico Alta Pusteria / N. Eisele-Hein 
 
 
Crode Fiscaline (2.677 m)
 
 

Crode Fiscaline (2.677 m)

Bell’escursione sci alpinistica, da non sottovalutare, nel cuore delle Dolomiti di Sesto

Dislivello 1250 m
Esposizione 360°
Difficoltà ***
Tempo salita 3,5 - 4 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza parcheggio in Val Fiscalina, 1454 m


Accesso:
si percorre la Val Pusteria fino a San Candido e da qui si va a Sesto Pusteria. Da Sesto-Moso si svolta a destra in Val Fiscalina e si prosegue fino all’Albergo Dolomitenhof. Grande parcheggio (a pagamento)


Ascesa:
iniziamo l’escursione lungo la strada (pista da fondo) portandoci quasi in piano al Rifugio Fondovalle (1562 m); a sinistra dello stesso proseguiamo al centro della valle in direzione sud, entrando nell’incassata Val Fiscalina Alta (attenzione, pericolo di caduta valanghe). Ai piedi dell’imponente elevazione de La Lista, a ca. 1990 m, prendiamo a destra (a sinistra si va al Monte Popera) e saliamo lungo un breve, ripido canalone, fino a quando possiamo uscirne a destra. Proseguiamo l’ascesa compiendo uno stretto giro a destra, passando al di sopra del Rifugio Zsigmondy-Comici, dirigendoci infine a nordovest. Il pendio sommitale, ripido ed esposto a sud, lo superiamo nel modo più agevole compiendo un giro da destra a sinistra: dapprima ci teniamo leggermente a sinistra e saliamo lungo il pronunciato avvallamento fino a quando, sempre seguendo il percorso logico, verso destra raggiungiamo la vetta.


Discesa:
per la via di salita. Dal ripido pendio sommitale si puó anche scendere direttamente in condizioni di neve sicure.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011 
 
 
Forcella Col di Mezzo (2.254 m)
 
 

Forcella Col di Mezzo (2.254 m)

Variante poco conosciuta nella zona delle Tre Cime 
 
Dislivello ca. 650 m
Esposizione 360°, discesa principale N/E
Difficoltà **
Tempo salita 2,5 - 3 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza Rifugio Lago D’Antorno 
 
Accesso:
da Dobbiaco si va in direzione di Cortina d’Ampezzo fino a Carbonin e da qui si svolta a sinistra per Misurina. Poco prima del lago si svolta a sinistra in direzione della strada a pedaggio per le Tre Cime, che si percorre fino al Rifugio Lago D’Antorno. 
 
Ascesa:
dal parcheggio andiamo lungo la strada innevata in direzione del Rifugio Auronzo, fino al casello del pedaggio. Da li, o lungo la carrozzabile resa transitabile oppure il sentiero estivo (al casello del pedaggio si segue a destra il segnavia N. 101), saliamo al Rifugio Auronzo. Quindi prendiamo a sinistra, in direzione nordovest e, sempre seguendo il sentiero estivo sotto i dirupi meridionali delle Tre Cime, saliamo alla Forcella Col di Mezzo. Da lì alla vicina vetta ci separano 150 metri di salita. 
 
Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011 
 
 
Lavina Bianca (2.450 m)
 
 

Lavina Bianca (2.450 m)

Escursione superba che, senza cima, è gratificante per il selvaggio paesaggio dolomitico e la meravigliosa discesa 
 
Dislivello 1000 m
Esposizione N/E
Difficoltà ***
Tempo salita 3,5 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza parcheggio in Val Fiscalina, 1454 m 
 
Accesso:
Da Sesto-Moso si svolta a destra in Val Fiscalina e si prosegue fino all’Albergo Dolomitenhof. Grande parcheggio (a pagamento) 
 
Ascesa:
dal parcheggio attraversiamo direttamente il largo letto del torrente verso ovest, salendo in direzione della Punta di Tre Scarperi. A ca. 2000 m di quota ci teniamo leggermente a sinistra e svoltiamo nell’enorme anfiteatro. Il successivo percorso è sempre determinato dal terreno: attraversiamo l’anfiteatro e procediamo verso l’alto lungo pendii sempre più rapidi, fino ai piedi di una parete rocciosa giallo-rossastra. Ai nostri occhi appare un grandioso scenario naturale, con Punta dei Tre Scarperi, Punta Piccola dei Scarperi, Punta Lavina Bianca, Lastron dei Scarperi e Cima Nove.  

Discesa:
per la via di salita.


Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011 
 
 
Monte Arnese (2.550 m)
 
 

Monte Arnese (2.550 m)

Escursione sul versante meridionale sopra Sesto, con grandiosa vista sulle Dolomiti di Sesto 
 
Dislivello 1211 m
Esposizione S
Difficoltà **
Tempo salita 4 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza parcheggio di Sesto/Moso, 1339 m 
 
Accesso:
si percorre la Val Pusteria fino a San Candido e da qui si va a Sesto Pusteria. Dal paese si svolta a sinistra e si percorre la strada per Monte di Mezzo per ca. 3 km, fino all’Albergo Panorama. Parcheggio accanto alla fortezza.

Ascesa:
lungo la forestale preparata con macchine battipista (segnavia estivi 13+13°, più avanti 133), in comoda pendenza e in parte attraverso un rado bosco di larici, saliamo a Malga Klammbach, 1944 m. Da li proseguiamo in direzione nord, ora su terreno aperto e in crescente pendenza, lungo il fianco della montagna fino a una sella, 2418 m. Da lì senza gran difficoltà arriviamo alla vetta lungo l’ampia cresta. Splendido il panorama delle montagne che coronano Sesto! 
 
Discesa:
per la via di salita.


Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011 
 
 
Monte Calvo (2.493 m)
 
 

Monte Calvo (2.493 m)

Itinerario facile e assai frequentato, presto percorribile anche dopo abbondanti nevicate


Dislivello 850 m
Esposizione SO
Difficoltà **
Tempo salita 2,5 - 3 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza Kurterhof, 1650 m


Accesso:
da Dobbiaco si va a Valle San Silvestro e si entra nella valle omonima. Al bivio per Candelle / Kandellen si svolta per la frazione e si continua a sinistra fino alla trattoria di montagna Kurterhof.


Ascesa:
seguiamo dapprima la strada forestale verso nord (segnavia N. 24) che ha inizio al Kurterhof. Dopo il sesto tornante proseguiamo ancora per un centinaio di metri fino al punto di cui, attraverso un rado bosco di larici a sinistra, saliamo sul dorso lungo il quale continuiamo ad avanzare sempre in direzione nord-nordest. Al margine del bosco ci teniamo leggermente a destra e proseguiamo la marcia in piano fino a un capanno di legno di con croce. Da lì strette serpentine ci portiamo sulla successiva altura e poi, sempre stando sulla destra, avanziamo dapprima su terreno piano e poi in leggera salita fino alla già ben visibile cima.


Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011
Foto: Consorzio Turistico Alta Pusteria / N. Eisele-Hein 
 
 
Monte Elmo (2.434 m)
 
 

Monte Elmo (2.434 m)

Escursione su percorso poco conosciuto alla piú famosa meta sci alpinistica dell’Alta Pusteria 
 
Dislivello 920 m
Esposizione S
Difficoltà **
Tempo salita 3-4 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale
Punto di partenza parcheggio di Sesto/Moso, 1339 m 
 
Accesso:
si percorre la Val Pusteria fino a San Candido e da qui si va a Sesto Pusteria. Dal paese si svolta a sinistra e si percorre la strada per Monte di Mezzo per ca. 3 km, fino all’Albergo Panorama. Parcheggio accanto alla fortezza. 
 
Ascesa:
dalla fortezza procediamo quasi in piano verso est fin al “Negerdörfl”. Qui ci volgiamo a sinistra (nord) e saliamo in moderata pendenza per un rado bosco di larici ed ampie fasce senz’alberi, seguendo più o meno il sentiero estivo (N. 3°). Dal margine del bosco in avanti procediamo sempre lungo il pronunciato (e relativamente sicuro per quanto riguarda il pericolo di caduta valanghe) dorso della montagna fino alla sua cima. 
 
Discesa:
per la via di salita.


Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011 
 
 
Monte Popera (3.046 m)
 
 

Monte Popera (3.046 m)

La piú elevata meta scialpinistica della zona di Sesto


Dislivello 1592 m
Esposizione N/O/S
Difficoltà *** / ****
Tempo salita 5 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale + piccozza e ramponi
Punto di partenza parcheggio in Val Fiscalina, 1454 m


Accesso:
si percorre la Val Pusteria fino a San Candido e da qui si va a Sesto Pusteria. Da Sesto-Moso si svolta a destra in Val Fiscalina e si prosegue fino all’Albergo Dolomitenhof. Grande parcheggio (a pagamento)


Ascesa:
iniziamo l’escursione lungo la strada (pista da fondo) portandoci quasi in piano al Rifugio Fondovalle (1562 m); a sinistra dello stesso proseguiamo al centro della valle in direzione sud, entrando nell’incassata Val Fiscalina Alta (attenzione, pericolo di caduta valanghe). Ai piedi dell’imponente elevazione de La Lista, a ca. 1990 m, seguiamo il ramo della valle a sinistra. Passando per un canalone e infine evitando a sinistra un’erta china, raggiungiamo con non poca fatica la “Busa di Dentro”. Da qui pieghiamo verso est e saliamo su terreno in crescente pendenza e sempre più stretto, lungo l’angolo sinistro del catino, alla forcella tra la cresta Zsigmondy e il Monte Popera. Appena sotto la forcella (a ca. 2800 m) svoltiamo a destra e continuiamo l’ascesa lungo il pendio molto ripido fino a una piccola spalla. Qui solitamente si lasciano gli sci. Infine percorriamo a piedi gli ultimi metri, su terreno in parte roccioso, fino alla vetta.


Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011 
 
 
Monte Specie (2.307)
 
 

Monte Specie (2.307)

Comoda escursione con bella vista sulle Tre Cime


Dislivello 856 m
Esposizione S/O
Difficoltà *
Tempo salita 3 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale,
Punto di partenza bivio ex strada militare dopo Carbonin, 1451 m


Accesso:
da Dobbiaco si va in direzione di Cortina fino a Carbonin; da qui si prosegue per ca. 500 m fino al punto in cui, sulla destra, si diparte una ex strada militare (chiusa) verso nord. Parcheggio limitato.


Ascesa:
sulla ex strada militare saliamo, senza difficoltà d’orientamento in direzione nord, al Rifugio Vallandro, 2028 m. Lungo la strada passiamo accanto all’ex Forte Vallandro (Werk Plätzwiese) risalente alla Grande Guerra, che ci ricorda uno dei capitoli più cupi di questa zona. Dal rifugio battiamo traccia compiendo un giorno da sinistra a destra procedendo lungo una stradina che porta verso est alla Sella di M. Specie, 2200 m e da qui infine, su terreno dolce e senza pericolo valanghe, ala vetta con “Croce dei Reduci”.


Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011
Foto: Consorzio Turistico Alta Pusteria / N. Eisele-Hein 
 
 
Passo della Sentinella (2.717 m)
 
 

Passo della Sentinella (2.717 m)

Itinerario ripido e in ombra sopra la Val Fiscaina, nelle Dolomiti di Sesto


Dislivello 1280 m
Esposizione N/NO
Difficoltà *** / ****
Tempo salita 4-5 ore
Equipaggiamento attrezzatura sci alpinistica normale (eventualmente ramponi per il canalone)
Punto di partenza parcheggio in Val Fiscalina, 1454 m


Accesso:
si percorre la Val Pusteria fino a San Candido e da qui si va a Sesto Pusteria. Da Sesto-Moso si svolta a destra in Val Fiscalina e si prosegue fino all’Albergo Dolomitenhof. Grande parcheggio (a pagamento)


Ascesa:
iniziamo l’escursione dirigendoci, quasi in piano, verso il Rifugio Fondovalle, 1526 m. Poco prima del rifugio pieghiamo a sinistra verso il letto del torrente chiaramente riconoscibile e saliamo alla sinistra dello stesso, ora guadagnando rapidamente quota, all’enorme ghiaione ai piedi del coston di Croda Rossa, di Cima Undici e della Croda Rossa di Sesto. Quindi procediamo in moderata pendenza alla base del ghiaione fino all’inizio del canalone, ben visibile da lontano, che porta al passo. Saliamo quindi attraversi il canalone, in genere con gli sci legati allo zaino e, se necessario usando i ramponi.


Discesa:
per la via di salita.

Estratto: testo e cartina da "Scialpinismo in Alta Pusteria" - Tappeiner 2011 
 
 
 

 
 
Vacanze invernali a Sesto
Vacanze invernali a Sesto
 
Vacanze invernali a Sesto
 
Vacanze invernali a Sesto
 
 
Vedi le foto
Richiesta d'informazioni o prenotazione online

Inviateci una richiesta d'offerta non vincolante oppure prenotate la vostra camera direttamente online.

 
 
2 adulti
 
 Prenota online  Richiedi ora 
Fai un regalo
Basterà compilare questo voucher e prepararsi alle gioie di una vacanza.
Buono